Raffaello e gli amici di Urbino

Il catalogo della mostra (Urbino, Galleria Nazionale delle Marche, 3 ottobre 2019 – 19 gennaio 2020) a cura di Barbara Agosti e Silvia Ginzburg allestita in occasione del cinquecentenario dalla morte di Raffaello. Le curatrici, avvalendosi di importanti prestiti da istituzioni, musei e collezioni private di tutto il mondo, si propongono di rileggere l’attività di Raffaello nel rapporto con quella degli urbinati Timoteo Viti e Girolamo Genga. I tre amici muovono da Urbino, spinti da una volontà di aggiornamento che li accomuna, ma, pur incrociandosi più volte, le loro strade divergeranno conducendoli a esiti molto differenti. Raffaello si distingue, oltre che per il suo straordinario talento, per la eccezionale capacità di plasmare il proprio stile attingendo a una gamma continuamente aggiornata di modelli, secondo un meccanismo che Vasari individuerà come emblema della Maniera cinquecentesca. Questa mostra offre un importante contributo allo studio della formazione di Raffaello, che resta il maggior nodo da sciogliere nel suo percorso.

Fra le opere esposte, il San Sebastiano dell’Accademia Carrara di Bergamo, opera di Raffaello in origine appartenente alla collezione Zurla di Crema.

© 2021 Libreria Cremasca - Cremete servizi culturali di Facchi Matteo e C. s.a.s.
Via Giacomo Matteotti, 10/12 - 26013 Crema (CR), Italia | tel. 0373 631550
C.F./ P. IVA 01660810191