Bottesini virtuoso a tre corde

Antonio Castronuovo, Bottesini virtuoso a tre corde, Babbomorto Editore 2021.

La piccola pubblicazione dedicata al musicista e compositore Giovanni Bottesini, è realizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Crema nell’ambito di ‘Scripta’ 2021 con la curatela di Silvia Scaravaggi.

“Sapevate che Bottesini, il Paganini del contrabbasso, trovò il suo antico Testore nel sottoscala di un teatro di marionette a Milano e ne fece uno dei migliori strumenti dell’Ottocento?”. “Sapevate che se lo portava a letto per scacciare i tarli? Sapevate che mandava in visibilio il pubblico quando si contorceva sullo strumento e ne traeva ineffabili sonorità?”. Una storia colma di segreti tra le note e di curiosità che si raccontano senza veli. Giovanni Bottesini “è stato un uomo straordinario”. Nato a Crema nel 1821, è appassionato di musica sin dall’infanzia. Si afferma come direttore d’orchestra tanto da dirigere nel 1871 la prima dell’Aida all’Opera Kedivé del Cairo. Poco prima di morire, nel 1889, viene nominato direttore del conservatorio di Parma.

Antonio Castronuovo (Acerenza, 1954) è un saggista e traduttore italiano che si occupa di storie e scienze anomale, aforistica, patafisica.

 

Gratuito – Acquisto